:: CALANDRINO ::
E se l'Italia finalmente decidesse di liberarsi di ogni forma d'arroganza, si chiami pure "prescrizione"?

Stampa articolo
Calandrino

04-03-2012










E' sconosciuto il numero delle ville
quello delle escort rasenta mille
quello dei processi brutti e belli
l'ha ben conteggiato la legge Cirielli
che ha tagliato cinque anni
alla durata dei processi sui danni
l'ultimo quello per corruzione
che di euro gli costò un vagone.
E' il caso curioso di un corrotto
condannato per un bel malloppo
ricevuto da Silvio il generoso
per avere il beneficio polveroso
di falso in atti giudiziari
per acquisti TV senza pari.
Per la difesa c'è il corrotto non il corruttore
come dire che c'è l'ucciso senza uccisore.
In sei processi furono accertati
i reati tutti suoi ma archiviati
poiché il tempo era passato
da Cirielli ben amputato.
E così anche 'sta volta a perfezione
è scattata la benefica prescrizione
com'era accaduto con All Iberian e SME
con prostituzione minorile non si sa perché.
Ma il perché si chiamava Ghedini
che snobba i poveri senza quattrini
perché a lui basta Berlusconi
con tanti processi e tanti milioni
facendo finta di voler l'assoluzione
ma tutto puntando su prescrizione.
Io sono un satiro toscaneggiante
un po' ingenuo e un po' ignorante
ma alla verità io do ascolto:
lui è prescritto, non è assolto.
Se gli italiani lo capiranno
avranno un futuro senza più danno
affidandosi a innocenti veri
coscienze pulite e programmi seri.


Pontediferro.org Il settimanale della Capitale. Notizie dal Municipio XI e dal quartiere Marconi di Roma
Politica | Societą | Economia | Esteri | Scienza e cultura | Cittą e quartiere | Attualitą | Confronti | Calandrino | Lettere | Galleria fotografica

Testata registrata presso il Tribunale di Roma Nr. 448/2002 del 23/07/2002 - Anno di fondazione: 2002 - Pubblicato a Roma, via E. Barsanti, 25
Direttore: Giorgio Frasca Polara
Proprietario: Giuseppe Visone - Webmaster: Emiliano Antonelli, Giuseppe Visone, Marco Stirparo