:: ESTERI ::
Prima "vittoria" di Trump verso l'abrogazione di Obamacare

Lettere dall'America

Stampa articolo
Domenico Maceri*

14-05-2017

Quando i media criticano minimamente la sua politica, Donald Trump spesso contrattacca lanciando accuse di fake news. La gioia del 45esimo presidente subito dopo la "vittoria" alla Camera per abrogare Obamacare era incontenibile ed ha voluto persino "ringraziare i media". Si trattava ovviamente del primo passo per smantellare la riforma sulla sanità del suo predecessore che l'attuale inquilino della Casa Bianca ha ripetutamente etichettato come disastrosa.
Dopo il passo falso del mese scorso, che aveva costretto Paul Ryan a ritirare il disegno di legge iniziale, questa volta lo speaker è riuscito a racimolare alcuni voti e superare il test. Occorrevano 216 voti per l'esito favorevole. Ryan ne ha ottenuti 217, uno in più, mentre 213 (tutti i democratici e 20 repubblicani) sono stati i consensi negativi. Adesso il disegno di legge si sposterà al Senato dove lo attende un esito incerto.
Il nuovo disegno di legge non è tanto diverso da quello originale, ma include 8 miliardi in più di sussidi per individui con malattie preesistenti. Per il resto rimane un disegno di legge che riflette i principi ideologici repubblicani. A cominciare dall'eliminazione dell'obbligo di Obamacare, per cui tutti devono comprare una polizza assicurativa, oppure pagare una multa. L'idea di Obama è che ognuno deve contribuire alla sanità vedendola come una responsabilità civile ma anche diritto umano. I repubblicani la vedono come qualsiasi altro prodotto, offrendo la libertà di comprarlo oppure no.
Le tasse aumentate da Obama ai benestanti che hanno aiutato i meno abbienti a comprare l'assicurazione medica verranno eliminate nel piano repubblicano, risparmiando milioni di dollari ai ricchi che durante le due amministrazioni di Obama non hanno certo sofferto. Il Congressional Budget Office, l'agenzia non partisan del governo, aveva valutato la prima bozza di Trumpcare concludendo che 24 milioni di americani perderebbero l'assicurazione medica. La seconda versione del disegno di legge approvato alla Camera non è stata valutata perché i repubblicani avevano fretta e non volevano brutte notizie. Considerando i pochi cambi apportati, la cifra dei senza assicurati non dovrebbe essere diversa.
Trump e i repubblicani hanno demonizzato Obamacare specialmente per i costi che sono aumentati in alcuni Stati. I costi, per quelli che ricordano, aumentavano e continueranno ad aumentare perché le compagnie di assicurazione devono produrre profitti. Il disegno di legge approvato dalla Camera ridurrebbe i costi perché toglierebbe le qualità essenziali dell'assicurazione stabilite da Obamacare. Le compagnie di assicurazione potrebbero offrire polizze meno inclusive che ridurrebbero i costi. L'altro punto essenziale vantaggioso per i profitti delle compagnie di assicurazione verrebbe dal fatto che potrebbero aumentare i prezzi per gli individui con malattie preesistenti, aumenti che Obamacare proibiva.
Ovviamente se i costi per questi individui con malattie preesistenti sono alti le polizze diventano inaccessibili. Per fare fronte a questa eventualità, il disegno di legge di Ryan stanzierebbe 8 miliardi di dollari addizionali per assistere questi individui. Il problema però è che sono insufficienti e con ogni probabilità vorrà dire che gente disperata non potrà ottenere assicurazione.
Nonostante la retorica di abrogare Obamacare, non si tratta di una vera e propria eliminazione. Alcuni dei principi di Obamacare vengono mantenuti. I genitori con assicurazione potranno continuare ad includere nelle loro polizze i figli fino a 26 anni di età. Inoltre non è stato eliminato il principio di Obamacare di sussidi ai bisognosi anche se nel piano repubblicano verranno tagliati ridistribuendo i costi.
In Obamacare i sussidi per i bisognosi venivano offerti a seconda del reddito, affinché comprassero la loro assicurazione. Il piano repubblicano, invece, fisserebbe i sussidi secondo l'età, offrendo 2 mila dollari per i trentenni e aumentandoli gradualmente fino 4 mila per i sessantenni. Questi sussidi agevolerebbero i giovani ma gli anziani al di sotto di 65 anni che non qualificano per Medicare, la mutua per gli anziani, ne uscirebbero perdenti. Ecco perché la AARP (l'associazione dei pensionati americani) è contraria alla riforma repubblicana. Anche contraria si è dichiarata la AMA (associazione dei medici americani) per le riduzioni al Medicaid, la sanità per i più poveri che guadagnano 16 mila dollari annui con qualche lieve differenza a seconda degli Stati. La sanità dei più poveri sarebbe colpita severamente con una stima di tagli sui 839 miliardi, secondo il Congressional Budget Office. I tagli colpirebbero ovviamente anche i medici e gli ospedali che in un modo o nell'altro dovrebbero cercare di curare questi individui. Colpirebbero anche quelli con assicurazioni dato che i prezzi per le diverse procedure verrebbero aumentati per aiutare a coprire le spese per le cure dei poveri.
La maggioranza degli americani riceve l'assicurazione medica dai loro datori di lavoro (47 percento), dal Medicare, l'assicurazione per gli anziani (17 percento), dal Medicaid, la sanità per i poveri (22 percento), Obamacare (3 percento), e il 9 percento non ha assicurazione. Obamacare ha aumentato il numero di assicurati di circa 20 milioni fra assicurazioni private e l'ampliamento del Medicaid.
È tragico che un Paese ricco non riesca a fornire assicurazione medica a tutti i suoi cittadini, come molte altre nazioni al mondo. Trump aveva detto che con lui presidente tutti gli americani avranno copertura. Lo aveva anche indicato nel suo libro del 2000 "The America We Deserve", dove ha affermato che abbiamo bisogno di "assicurazione per tutti". Il suo recente piano riporterebbe l'America indietro ai tempi di George W. Bush.
È anche paradossale che il 45esimo presidente abbia elogiato il sistema sanitario dell'Australia in un recente incontro con il primo ministro Malcolm Turnbull senza rendersi conto che si tratta di un sistema nazionale chiamato infatti Medicare. Un sistema auspicato da Bernie Sanders nella campagna presidenziale del 2016 che la legislatura californiana sta considerando per i suoi 38 milioni di abitanti.

*Docente di lingue presso l'Allan Hancock College, Santa Maria, California (dmaceri@gmail.com)


Pontediferro.org Il settimanale della Capitale. Notizie dal Municipio XI e dal quartiere Marconi di Roma
Politica | Societą | Economia | Esteri | Scienza e cultura | Cittą e quartiere | Attualitą | Confronti | Calandrino | Lettere | Galleria fotografica

Testata registrata presso il Tribunale di Roma Nr. 448/2002 del 23/07/2002 - Anno di fondazione: 2002 - Pubblicato a Roma, via E. Barsanti, 25
Direttore: Giorgio Frasca Polara
Proprietario: Giuseppe Visone - Webmaster: Emiliano Antonelli, Giuseppe Visone, Marco Stirparo