:: POLITICA ::
Pd, a Roma si riparte dopo il lungo commissariamento

Stampa articolo
Filippo Piccione

21-07-2017

Il dibattito che si è svolto nei circoli del Pd per eleggere il segretario della federazione romana, i segretari dei quindici municipi e i rispettivi gruppi dirigenti non è stato né entusiasmante né deludente. Un pezzo di strada che, in una fase come questa, era più che mai urgente percorrere. Per alcuni si è trattato di un punto di arrivo, per altri un punto di partenza.
L'aver chiuso il lungo periodo di gestione commissariale è un punto di arrivo importante e al tempo stesso un punto per mettere in movimento un partito che, dopo la sconfitta delle elezioni amministrative del Campidoglio e del referendum sulla riforma costituzionale del 4 dicembre, aveva urgente bisogno di darsi un assetto interno in grado di affrontare le nuove scadenze: le elezioni politiche della prossima primavera e quelle contestuali della regione Lazio. Attrezzarsi per svolgere una vera efficace opposizione alla Giunta Raggi e imprimere uno scossone all'inerzia dei Municipi, la cui maggioranza appartiene ai 5Stelle, è un imperativo categorico.
Per la segreteria della federazione romana si sono confrontati quattro candidati, ciascuno dei quali, con diverse sfumature e distinguo, aveva dichiarato di essere vicino alle idee del segretario Renzi. Ma ha vinto Casu, il più renziano di tutti, superando abbondantemente il 50% e questo, da Statuto come per Renzi, ne ha consentito l'elezione diretta, senza dover cercare la maggioranza tra i delegati nell'assemblea romana. All'undicesimo municipio ha vinto Gianluca Lanzi, che è invece vicino alle posizioni del ministro della Giustizia, Orlando. Un confronto intenso quello che si è svolto presso la sede dell'ex circolo Portuense, cui ora fanno capo tutti i circoli Pd del Municipio che, essendo stati sciolti, non hanno più né un segretario né un gruppo dirigente. Fra parentesi, va detto che alcuni di essi sono sopravvissuti nonostante il commissariamento di Matteo Orfini, che peraltro è stato riconfermato presidente nazionale del Pd.
Il circolo Marconi, l'ex sezione storica del Pci di Porto Fluviale, è andato a confluire, come Magliana, Trullo ed altri circoli cui è toccata la stessa sorte, al Municipio XI. Alcune realtà, a seguito della "bonifica" del Pd a Roma, effettuata da Barca sull'onda di Mafia capitale, sono state liquidate insieme ad altri circoli che principalmente avevano difficoltà di carattere economico. In tutta questa fase, caratterizzata da continue fibrillazioni che hanno attraversato l'intero corpo del partito, ha anche influito negativamente il drammatico e conflittuale rapporto che si era creato fra il Partito, il gruppo consiliare e il sindaco Marino.
Adesso siamo di fronte a un nuovo assetto del Pd nella capitale. Una capitale che oggi più che mai rappresenta un importante crocevia della politica nazionale. Non solo perché è di per sé un osservatorio privilegiato, ma perché costituisce un laboratorio inedito per le battaglie politiche presenti e quelle future. Non sappiamo se questa cura di dimagrimento e di riduzione dei luoghi della politica possa giovare e rafforzare il radicamento nei quartieri e nelle periferie di Roma. Certo, sappiamo che non basta la presenza dei militanti, di donne e uomini volenterosi, ad avvicinare i cittadini, i giovani, i lavoratori, le famiglie e gli studenti alla buona politica se manca la capacità di amministrare e governare una città e il Paese e se non sei nel contempo in grado di presentare programmi, progetti, contenuti e idee credibili, all'insegna della legalità, dell'efficienza e della trasparenza.


Pontediferro.org Il settimanale della Capitale. Notizie dal Municipio XI e dal quartiere Marconi di Roma
Politica | Societą | Economia | Esteri | Scienza e cultura | Cittą e quartiere | Attualitą | Confronti | Calandrino | Lettere | Galleria fotografica

Testata registrata presso il Tribunale di Roma Nr. 448/2002 del 23/07/2002 - Anno di fondazione: 2002 - Pubblicato a Roma, via E. Barsanti, 25
Direttore: Giorgio Frasca Polara
Proprietario: Giuseppe Visone - Webmaster: Emiliano Antonelli, Giuseppe Visone, Marco Stirparo